Installare Windows 10 Technical Preview su Raspberry Pi 2

Condividi con i tuoi amici










Submit

Windows 10 offre potenti strumenti per lo sviluppo rapido e la distribuzione nei dispositivi. Chiunque abbia voglia di creare, inventare, stupire se stesso e gli altri, grazie alle nuove API Windows.Devices di Windows 10 potrà farlo. Il tutto consentendo agli sviluppatori di sfruttare la potenza di Windows e al tempo stesso di interagire con il mondo reale tramite per esempio sensori e attuatori.

Mettiamoci all’opera.

Di cosa abbiamo bisogno

  • Sistema con Windows 10 Insider Preview – macchina fisica, non Virtual Machine
  • Raspberry Pi 2
  • Alimentatore micro USB da 5V micro USB con almeno una corrente di 1A
  • Scheda Micro SD da almeno 8Gb (meglio se Classe 10)
  • Cavo HDMI
  • Cavo Ethernet Rj45

Trasferire Windows 10 IoT C. I. Preview nella SD

Microsoft ha fornito, integrata in Windows 10, un utility attraverso il cui è possibile trasferire un’immagine del Sistema Operativo Windows 10 IoT Core Insider Preview in una scheda SD. Gli step seguenti potranno essere eseguiti solo su un sistema che stia già eseguendo Windows 10 dalla build 10069 in su.

Nota: abbiamo bisogno di una macchina Windows fisica (e non una VM) perché abbiamo bisogno di accedere al lettore di Schede SD, e spesso non è disponibile usarlo con Software di Virtualizzazione.

Seguiamo queste indicazioni per configurare la nostra Scheda SD:

  1. Scarichiamo la ISO per il Raspberry Pi 2 dal Microsoft Download Center.
  2. Salviamo la ISO in una cartella in locale
  3. Doppio clic sulla ISO (IoT Core RPi.iso) in modo da montare automaticamente l’immagine in un lettore CD virtuale per accederne al contenuto.
  4. Installare “Windows_10_IoT_Core_RPi2.msi”. Quando l’installazione sarà terminata, il file flash.ffu sarà situato in “C:\Program Files (x86)\Microsoft IoT\FFU\RaspberryPi2”
  5. Espellere la ISO montata nel lettore CD virtuale
  6. Inserire la Scheda SD nel lettore di Schede SD.
  7. Usare l’utility IoTCoreImageHelper.exe per configurare la Scheda SD. Per trovare il programma è sufficiente cercare dal menu Start “WindowsIoT” e selezionare il collegamento “WindowsIoTImageHelper”
  8. Lo strumento analizzerà i dispositivi come è possibile vedere nello screen. Selezioniamo la Scheda SD che vogliamo configurare e successivamente cerchiamo il percorso dell’immagine ffu. Una volta pronti clicchiamo sul pulsante Flash.Utility per flashare Windows 10 sul Raspberry
  9. Cliccare in seguito sull’icona Safely Remove Hardware (Rimozione sicura dell’Hardware) nella task tray e a questo punto selezioniamo il lettore Schede SD per espellere in modo sicuro la nostra Scheda pronta per Windows 10 IoT Core Insider Preview.

Nota: IoTCoreImageHelper.exe è il tool raccomandato per configurare la Scheda SD. Oppure è possibile fare altrettanto con l’utility DISM (Deployment Image Servicing and Management tool) seguendo le istruzioni sul sito di Microsoft.

Preparare e connettere il Raspberry

  1. Inserire la micro SD card che abbiamo preparato nell’apposito connettore (lo slot è sul lato opposto della board).
  2. Collegare un cavo di rete nella porta Ethernet della board.
  3. Collegare un cavo HDMI nell’apposito connettore, in modo da collegarlo ad un monitor.
  4. Collegare il cavo di alimentazione nella porta micro USB del Raspberry.Board Raspberry Pi2 pronta per Windows

Avviare Windows 10 IoT Core Insider Preview

  1. Windows 10 IoT Core Insider Preview si avvierà automaticamente dopo aver collegato il cavo di alimentazione.
  2. Nel primo avvio, Windows IoT Core eseguirà una piccola configurazione iniziale visualizzando uno schermata di colore blu (Non interrompere l’alimentazione durante questa fase!). Dopo qualche minuto il Raspberry si riavvierà automaticamente. Questo accadrà solo la prima volta, dopodiché la DefaultApp dovrebbe visualizzarsi, mostrando l’indirizzo IP ed i dati del Raspberry Pi 2.Windows 10 su Raspberry Pi2 al primo avvio
  3. Seguendo la documentazione del PowerShell è possibile utilizzare usare quest’ultima per connettersi al nostro dispositivo. E’ possibile anche seguire le istruzione qui per utilizzare una connessione SSH e connettersi al Raspberry.
  4. E’ altamente raccomandato aggiornare la password di default per l’account Amministratore (vecchia storia).
  5. Il Visual Studio Remote Debugger si avvierà automaticamente sul Raspberry Pi2 all’avvio del sistema.

FAQ e Troubleshooting

> Perché lo schermo appare tagliato o schiacciato?

Puo’ accadere su alcuni monitor. Per sistemare la faccenda è possibile utilizzare un workaround per far lavorare la board in modalità DVI anziché HDMI. Inseriamo la SD in un PC e procediamo ad editare il file config nella partizione EFIESP come segue:

hdmi_group=2 # forza ad usare il timing DVI

> Visto che è possibile preparare la SD anche con DISM (Gia presente in Windows), posso utilizzare un sistema con Windows 8.1 o precedente?

No. La versione del DISM è differente, per cui quando andremo ad utilizzare il comando /applydrive restituirà un messaggio di errore. E’ necessario avere Windows 10.

> Il Wifi ed il Bluetooth sono supportati in Windows 10 IoT Core Preview?

No. Per il momento non c’è alcun supporto ma gli sviluppatori stanno già lavorando per integrarlo nei prossimi aggiornamenti.

> Perché è consigliata una SD da almeno 8gb? Serve tutto questo spazio?

L’immagine di Windows 10 IoT Core è inferiore ad 1Gb, gli 8Gb consigliati servono per fornire ulteriore spazio per installare contenuti addizionali sul dispositivo.


Condividi con i tuoi amici










Submit

Le migliori estensioni di Chrome e Firefox per navigare sicuri

Condividi con i tuoi amici










Submit

Il CyberCrime è in aumento, attacchi informatici e phishing sono quasi all’ordine del giorno e navigare su internet sta diventando sempre più arduo: banner pubblicitari a destra e sinistra, popup che si aprono da soli, link ingannevoli con il solo intento di confondere gli utenti e tracciamento delle attività utente ovunque.

Indubbiamente tante cose funzionano bene grazie al “web-profiling” degli utenti. Ma spesso (e purtroppo anche volentieri da parte delle majors) queste operazioni diventano ossessive e intralciano il nostro modo di lavorare o di trovare esattamente ciò che ci serve. In nostro aiuto fortunatamente accorrono i due più famosi Web Browser noti soprattutto per prestazioni, sicurezza e personalizzazione: Google Chrome e Mozilla Firefox con le loro estensioni.

Browser Chrome e Firefox con le loro estensioni

Chrome e Firefox sono di base dei browser molto sicuri e con ottime estensioni.

1) Toglietemi tutto ma  non il mio Adblock

Adblock fra le estensioni è un Must per chiunque, con ben 45 milioni di utilizzatori in tutto il mondo.

Logo di Adblock, migliore fra le estensioni per Firefox e ChromeLa sua regola è molto semplice: Quello che vedi dovrebbe essere deciso da te. AdBlock lavora automaticamente eliminando la pubblicità dal web, ma bastano solo due click per aggiungere in whitelist qualsiasi pagina o un intero dominio.

Ma la cosa bella è che con AdBlock, molti annunci pubblicitari non sono scaricati del tutto. Così puoi risparmiare banda (che sia una connessione domestica o mobile) e navigare ancora piu’ in fretta.

Attenzione: Adblock è diverso da Adblock Plus! Quest’ultimo con il pagamento di denaro da parte di alcune grandi compagnie, NON filtra alcuni annunci pubblicitari!

[button size=”small” link=”https://chrome.google.com/webstore/detail/gighmmpiobklfepjocnamgkkbiglidom” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Chrome[/button]                [button size=”small” link=”https://data.getadblock.com/firefox/getadblock_com.xpi” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Firefox[/button]

2) Disconnect

Disconnect è una fra le estensioni piu utili per Chrome e FirefoxDisconnect è stata nominata una delle 100 migliori innovazioni dell’anno di Popular Science e una delle 20 migliori Estensioni per Firefox da Lifehacker. Consente di bloccare e di conoscere i siti web che tracciano il comportamento degli utenti e la loro cronologia di navigazione (e che altrimenti sarebbero invisibili). In soldoni, impedendo queste ulteriori connessioni ad altri servizi web, caricare le pagine impiega in media il 27% del tempo di menoDisconnect è open-source ed un Software pay-what-you-want.

Una valida alternativa è Ghostery, che pero’ ha la brutta abitudine di collezionare parecchi dati utente per poi venderli alle aziende di marketing…Cosa che a me non piace affatto.

[button size=”small” link=”https://chrome.google.com/webstore/detail/disconnect/jeoacafpbcihiomhlakheieifhpjdfeo” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Chrome[/button]                [button size=”small” link=”https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/disconnect/” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Firefox[/button]

3) HTTPS Everywere

HTTPS Everywhere è un’estensione che automaticamente passerà in modalità HTTPS mentre navighiamo su molti siti web.Il protocollo HTTPS viene utilizzato per garantire trasferimenti riservati di dati su internet, in modo da impedire l’ intercettazioni dei contenuti attraverso una tecnica chiamata “Man in the middle“. Una fra le estensioni migliori grazie al monitoraggio della connessione HTTPS

[button size=”small” link=”https://chrome.google.com/webstore/detail/https-everywhere/gcbommkclmclpchllfjekcdonpmejbdp” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Chrome[/button]                [button size=”small” link=”https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/https-everywhere/” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Firefox[/button]

 

4) LastPass

Lastpass Encryption, migliore fra tutte le estensioni di sicurezzaFra tutte le estensioni LastPass è sicuramente una delle piu’ comode. Il nome deriva dalle parole inglesi Last e Password (ossia Ultima Password), perché come recita il loro slogan “Sarà l’ultima password che dovrete ricordare“. Basta creare un account con il tuo indirizzo email e una master password complessa, poi il componente aggiuntivo penserà a come gestire i nostri dati. Potremmo lasciar generare una password complessa a LastPass quando ci registriamo, attivare l’autologin sui nostri siti, sincronizzare le password fra differenti browser e tanto altro.

[button size=”small” link=”https://chrome.google.com/webstore/detail/lastpass-free-password-ma/hdokiejnpimakedhajhdlcegeplioahd?hl=it” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Chrome[/button]                [button size=”small” link=”https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/lastpass-password-manager/” linking=”new-window” icon=”download”]Scarica per Firefox[/button]

Condividi con i tuoi amici










Submit