Come funzionano gli Antivirus Cloud?

Diamo una rapida spiegazione

Condividi con i tuoi amici










Inviare

Sempre più Software as a Service: i servizi Cloud stanno sostituendo i software “classici” da installare sul computer. Dopo le suite di lavoro e produttività, a volare sulla nuvola sono stati gli antivirus. Un numero crescente di utenti sta infatti scegliendo di proteggere il proprio computer attraverso un antivirus Cloud, con il conseguente risparmio di soldi, spazio sull’hard disk e consumo di CPU. Ma qual è l’architettura dietro questi software?

I neo arrivati Antivirus Cloud

Architettura Cloud sempre più presente

Un software Antivirus Cloud fa la maggior parte della sua elaborazione altrove su Internet, piuttosto che sul disco rigido del vostro computer. La nuova tecnologia del Cloud Computing ha reso tali innovazioni possibili e soprattutto convenienti.

Un antivirus Coud based è costituito da due componenti che lavorano insieme:

  • un Thin-Client (Ossia un “programma leggero”)
  • Uno o più servizi Web, ospitati dai Server della casa produttrice di Antivirus

Il client è un piccolo programma in esecuzione sul computer locale che esegue la scansione del sistema alla ricerca di malware. Le Applicazioni antivirus installate localmente sono famigerate mangiatrici di risorse di sistema, e la particolarità degli antivirus Cloud è che richiedono solo una piccola quantità di potenza di elaborazione.

Il servizio Web nella parte Cloud, è un software in esecuzione su uno o più server da qualche parte su Internet. Di fatto il servizio Web gestisce la maggior parte del lavoro, quindi il computer non deve elaborare e memorizzare grandi quantità di informazioni sui virus. Ad intervalli regolari, il client scansione il computer alla ricerca di malware nel database del servizio Web.

Pro e contro del Cloud

Ecco un riassunto dei vantaggi di un Antivirus Cloud rispetto ad un antivirus tradizionale:

  1. Avremo sempre accesso alle ultime definizioni sui malware a distanza di pochi minuti dal loro rilascio. Non ci sarà bisogno di scaricare gli aggiornamenti automatici per assicurarci di essere protetti contro le più recenti minacce.
  2. La parte client di un antivirus Cloud è molto più leggera rispetto agli antivirus standard, e richiede decisamente meno potenza computazionale.
  3. Il prodotto è più adattabile alle proprie esigenze. Molti vendor danno la possibilità agli utenti di scegliere solo i servizi di cui hanno bisogno.
  4. Spesso un software antivirus Cloud si presenta con una GUI (Graphical User Interface) più snella, è quindi adatto a utenti meno esperti.

Ma quali sono gli svantaggi? Come è facile immaginare questo sistema è quasi completamente dipendente dall’accesso internet. E’ vero che oggigiorno sono in pochi coloro i quali non possiedono una connessione internet, ma la realtà italiana è molto indietro rispetto a quella europea o globale.

Guadagnare di performance in termini di CPU, Ram e spazio su Hard Disk potrebbe voler dire perderci di performance nella connessione. Si, poiché potrebbero essere necessari collegamenti periodici con i Server nel Cloud, e l’upload di file sospetti per la scansione accurata. Per una connessione aziendale spesso non ci sono problemi, ma per un utenza domestica con Smart TV, Smartphone, e Tablet collegati alla stessa rete potrebbe esserci. Staremo a vedere come si evolverà il mercato, ma soprattutto se e quando cambieranno le cose nel nostro paese.


Condividi con i tuoi amici










Inviare
About the Author

Andrea Pigliacelli

Andrea Pigliacelli

#ICT Consultant & Technician, Assistant #ProjectManager, #Cisco Instructor - Amante del'Informatica e della Pesca Sportiva. Scrivo di #IT per evangelizzare e fare informazione. Mi occupo principalmente di reti, Internet, e di Networking e sicurezza in generale. Mi sforzo e cerco di contribuire per avere un #Internet libero per chiunque. Segui Andrea Pigliacelli su Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *